neparlo.it

Curiosità

Una scuola di abbracci!

Una scuola di abbracci!

LONDRA: A lezione di abbracci!

E’ sempre più certo che il contatto umano è benefico e rilassante, oltre che gesto di rassicurazione. Però, non tutti la pensano in questo modo, spesso molte persone non ricevono abbracci, perché manca loro qualcuno che mostri affetto con un contatto quando ne hanno bisogno, oppure altri non hanno il coraggio di abbracciare quando ne avrebbero voglia e bisogno.

Anna Nathan e Neil Urquhart hanno preso a cuore la questione “abbraccio” e per affrontare il delicato tema, che spesso è trascurato, hanno aperto a Londra una… “scuola di abbracci”. I corsi e le lezioni da seguire sono composti prevalentemente da workshop di una singola giornata, prevedono una prima parte in cui i partecipanti si presentano e fanno conoscenza tra loro per poi potersi abbracciare meglio. Il momento dell’abbraccio segna per molti “corsisti” una vera e propria prova da superare, è proprio questa la parte dove c’è l’imbarazzo maggiore da parte dei partecipanti. Spesso sono proprio le risate nervose e gli sguardi imbarazzati a rompere il ghiaccio e a rendere l’aria meno tesa.

I corsi hanno lo scopo “didattico”da un lato di aiutare le persone ad avere l’abbraccio di cui hanno bisogno e di cui necessitano, e dall’altro lato servono per far imparare, oltre che insegnare come fare. Particolari ricerche hanno dato esito a risultati stranamente curiosi: sarebbero molte le persone che si trattengono nel contatto perché hanno paura di violare il galateo dell’abbraccio, oltre che per l’imbarazzo del contatto con una persona che non si conosce. Gli organizzatori del curioso progetto pongono e accentuano l’attenzione sul fatto che gli abbracci devono essere “innocenti e puri”, e che non si devono verificare casi in cui si cerca di forza qualcuno a fare qualcosa che non vuole, come abbracciare qualcuno che non  vuole, o non “sente”, di farlo.

I partecipanti ai corsi del progetto “la scuola di abbracci”sono entusiasti. Inizialmente l’idea di abbracciare un estraneo era ritenuta strana e alquanto “fuori del comune”, poi partecipando alle lezioni e accumulando l’esperienza di stabilire un contatto fisico, i partecipanti si sono rilassati e rassicurati. Adesso non negano più abbracci!

Un abbraccio, a volte, può davvero essere più utile e confortante di gesti e parole vaghe.

<Un abbraccio vuol dire “tu non sei una minaccia.
Non ho paura di starti così vicino.
Posso rilassarmi, sentirmi a casa.
Sono protetto, e qualcuno mi comprende”.>
La tradizione dice che quando abbracciamo qualcuno in modo sincero,
guadagniamo un giorno di vita.
Paulo Coelho, Aleph

Non resta che abbracciarsi di più!

Tagged , , , ,

Articoli Correlati

One Comment

  1. anna savonamag 17, 2013 at 00:02Rispondi

    Non c’e’ cosa piu’ bella di un abbraccio, soprattutto se dato con sincerita’!

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

'