neparlo.it

Curiosità

Perché il capezzolo è una zona erogena…

Perché il capezzolo è una zona erogena…
13 marzo 2013 by Scorpion in Curiosità, Sesso con 0 Commenti

Il capezzolo è quasi sicuramente, tra le zone erogene femminili, quello su cui sono stati effettuati meno studi dal punto di vista scientifico. Si sa praticamente tutto sull’enorme potere erogeno degli organi genitali, diverso è il discorso nel caso dei capezzoli. Per la prima volta un ricerca sembra finalmente essere riuscita a farci scoprire qualcosa in più sul “potere erogeno del capezzolo”.

Lo studio è stato condotto dagli esperti della Rutgers University di Newark (USA) guidati da Barry Komisaruk e pubblicato sulla rivista scientifica “Journal of Sexual Medicine”. Stando alle conclusioni della ricerca svolta, nelle donne la stimolazione del capezzolo e dei genitali attiva le stesse aree cerebrali responsabili dell’eccitazione maschile.

Lo studio
Gli studiosi sono giunti a tale conclusione dopo aver analizzato i dati di donne cui è stato chiesto di autostimolarsi in varie parti del corpo durante una risonanza magnetica. Si è scoperto così che le aree del cervello femminile collegate alle zone erogene sono più o meno le stesse di quello maschile.
Questo significa che i capezzoli possono essere considerati zone erogene perché collegati a quella parte di cervello che rende erogeni anche i genitali.

Il ruolo dell’ossitocina
Secondo Komisaruk un ruolo determinante potrebbe averlo l’ossitocina, vale a dire l’ormone che promuove la contrazione dell’utero durante il travaglio: viene rilasciato durante la stimolazione del capezzolo, fa scattare le contrazioni dell’utero, che a sua volta produce una sensazione di eccitazione in quella determinata area del cervello.

Tuttavia, gli esperti americani hanno tenuto a far sapere che la loro è un’ipotesi ancora da dimostrare, quindi… non ci resta che attendere i prossimi studi in materia!!

Tagged , , , , , ,

Articoli Correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

'