neparlo.it

News

Aeoporto JFK di New York, drone sfiora aereo Alitalia

Aeoporto JFK di New York, drone sfiora aereo Alitalia
6 marzo 2013 by Scorpion in News con 0 Commenti

Un drone, velivolo senza conducente, è stato avvistato dal pilota di un volo aereo Alitalia a pochi chilometri dall’aeroporto Jfk di New York. Il drone stava volando a una distanza allarmante di soli 60 metri dall’aereo della compagnia italiana, che in quel momento si preparava all’atterraggio. Lo ha comunicato l’Fbi in una nota mentre la Casa Bianca non ha rilasciato alcun comunicato ufficiale sulla vicenda suggerendo di fare riferimento alla Federal Aviation Administration (Faa).
Stiamo chiedendo a tutte le persone che hanno informazioni sul velivolo o su chi lo pilotava di contattarci, la nostra principale preoccupazione è la sicurezza dei passeggeri e del personale di volo“, ha dichiarato l’agente speciale dell’Fbi John Giacalone. In base a quanto dichiarato dall’FBI, il velivolo sarebbe lungo circa un metro, di colore nero e con quattro eliche. Il New York City Police Department ha inviato nella zona un elicottero per cercare il piccolo aereo pilotato, ma non è stato trovato nulla.
L’agenzia governativa del dipartimento dei Trasporti Faa ha fatto sapere che “sta investigando su quanto riportato dal pilota di una compagnia di volo internazionale che ha detto di aver visto un piccolo velivolo privo di pilota mentre stava atterrando all’aeroporto internazionale Jfk attorno alle 13.15 [di lunedì]. L’avvistamento è avvenuto a una distanza approssimativa di sette chilometri dalla parte sud-orientale dell’aeroporto, a un’altezza di circa 500 metri. Il pilota non ha fatto manovre e il volo è atterrato in sicurezza“.

Ecco in breve come sarebbero andati i fatti. Il volo Alitalia Az60 (un Boeing 777), decollato alle 9.55 da Roma Fiumicino e atterrato al Jfk alle 13.11 (ora locale), ha avvistato un drone a circa cinque miglia a sud dell’aeroporto, mentre si trovava a circa 450 metri di quota, durante l’atterraggio all’aeroporto. Il luogo dovrebbe essere lungo la costa meridionale di Long Island, sulla rotta che porta alla pista 31R del Jfk.

Nell’audio pubblicato da LiveATC.net, un sito che monitora le comunicazioni di traffico aereo, si sente il pilota italiano avvisare la torre: “Abbiamo visto un drone, un aereo drone“. Il volo Alitalia non ha comunque avuto probremi ed è riuscito ad atterrare regolarmente. La torre ha però diramato un’allerta per gli altri aerei in avvicinamento alle piste. Il New York Police Department ha mandato sul luogo dell’avvistamento un elicottero, senza trovare nulla.

Un testimone, secondo la televisione Cbs, ha detto che si tratta di ragazzini alle prese con modellini. “Li vedo molto spesso – ha spiegato Fyezil, un addetto ai pullman dell’aeroporto – Qualche volta fanno volare gli aerei davvero in alto“. I proprietari di aerei radiocomandati, però, secondo i regolamenti Faa non possono superare i 120 metri di altezza e, se operano nel raggio di 5 km da un aeroporto, sono tenuti ad avvisare la torre di controllo.

L’Fbi e la Faa (Federal Aviation Administration, l’Amministrazione dell’aviazione federale) hanno aperto un’inchiesta sull’accaduto. E il Bureau ha rivolto un appello a eventuali testimoni: John Giacalone, a capo dell’ufficio Fbi di New York per l’Antiterrorismo, ha invitato a un appello di responsabilità per “la sicurezza dei passeggeri e del personale” a bordo degli aerei nel settore.

Tagged , , , , ,

Articoli Correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

'