neparlo.it

Cronaca

Pioggia di meteoriti in Russia

Pioggia di meteoriti in Russia
15 febbraio 2013 by Valentina Labattaglia in Cronaca, News con 0 Commenti

La pioggia di meteoriti non sarebbe solo un’invenzione del mito di Superman e oggi, 15 febbraio 2013, il mondo ne ha avuto una nuova conferma.

Russia: minuti di panico e terrore immobilizzano la zona intono alla città di Chelyabinsk. Inizialmente tra i testimoni che ci pensa ad un attacco militare, una nuova guerra, una catastrofe naturale o peggio ancora ad un attacco alieno che porterebbe alla fine del mondo. La luce del mattino illumina il cielo quando un boato terrificante e un terribile schianto “esplodono” nella gelida aria degli Urali. Vengono colpite la città di Chelyabinsk e altre cinque città a nord della regione, vicino al Kazakistan, da oggetti chiari e luminescenti che squarciano il cielo, colorando il mondo di “bianco” per pochi istanti.



 

Un meteorite di dieci tonnellate si frantuma a contatto con la parte bassa dell’atmosfera terrestre, scagliando dappertutto cristalli incandescenti di fuoco, poi fumo e roccia. Secondo il colonnello  fenomeno Yaroslav Poshiupkin, rappresentante della regione militare degli Urali, sarebbe stato ritrovato un cratere di almeno 6 metri di diametro sul lago Chebarkul con accumuli di roccia nera extraterrestre dalle dimensioni di 0,5\1 centimetri.

Il Russia Today sostiene che la popolazione ha pensato dapprima all’esplosione di un aereo civile o ad un attacco militare, poi la pioggia di meteorite ha invaso l’atmosfera, danneggiando quasi 3000 abitazioni, tra case private, negozi ed edifici pubblici(scuole, ospedali, palestre) come testimoniano le reti locali. Si calcolano all’incirca 1000 feriti, tra cui soltanto pochi gravemente colpiti.Il panico generale diffuso tra la popolazione, urla e pianti vengono gestiti dalle autorità delle diverse città colpite (siamo a circa 80 chilometri dalla città di Satka, la zona interessata dalla pioggia è compresa tra Tyumen e Kurgan, nella regione di Sverdlovsk). La Protezione Civile russa ha inviato ventimila uomini e diecimila poliziotti si sono mobilitati per i primi soccorsi. Il premier Putin si ritiene “preoccupato” della situazione e “adirato” dai sistemi di allerta “poco efficaci e immediati” nonostante il sistema di monitoraggio della sicurezza nazionale dei monti Urali non abbia ricevuto danni. Sembra che la zona sia stata poco dopo sigillata dai militari russi.

Margherita Hack, astrofisica toscana,  sostiene che è rarissimo che frammenti di meteorite cadano sulla Terra provocando feriti perché solitamente le “pietre cosmiche” sono attratte dalla forza di gravità del pianeta e con difficoltà riescono a superare il contatto con l’atmosfera. Si tratta di un fenomeno al momento ancora inspiegabile.

La paura è ancora nell’aria e c’è chi teme di chiudere gli occhi la notte e svegliarsi con un altro boato. Qualcuno ironizza sostenendo che «I Maya si sono sbagliati di poco ed hanno recapitato solo ora il meteorite a destinazione» incolpando le poste russe coi loro proverbiali ritardi. Altri pubblicano annunci di vendita di pezzi di oggetti cosmici caduti a trecentomila rubli. Qualcuno già pensa di trasferirsi dall’altra parte del mondo. La gente è ancora spaventata e confusa allo stesso tempo perché  ”la pioggia di meteoriti sembrava davvero la fine del mondo!”

Tagged , , , , , , , , , ,

Articoli Correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

'