neparlo.it

Cronaca

Tentata rapina in un negozio: uomo sequestrato e violentato per tre giorni dalla proprietaria

Tentata rapina in un negozio: uomo sequestrato e violentato per tre giorni dalla proprietaria
12 marzo 2013 by Paoletta in Cronaca con 0 Commenti

Meshchovsk – La proprietà di un negozio di parrucchiere (Olga, 28 anni) della cittadina di Meshchovsk dopo aver sventato il tentativo di rapina da un maldestro ladro russo (Viktor, 32 anni), lo ha sequestrato e violentato ripetute volte e precisamente per tre giorni tenendolo rinchiuso in un ripostiglio. Secondo la ricostruzione dei fatti, era venerdì sera e la giornata lavorativa stava per terminare nel piccolo salone di bellezza, quando un uomo armato di pistola si sarebbe introdotto nel negozio pretendendo l’incasso dell’intera giornata e puntando la pistola alla testa della proprietaria.

La donna in un primo momento l’avrebbe assecondato mostrandosi impaurita ma mentre stava per consegnare il denaro al rapinatore, l’ha colpito all’improvviso, gettandolo a terra e legandolo con il cavo di un asciugacapelli. Le altre donne presenti, dipendenti del negozio, a questo punto avrebbero provato ad avvertire la polizia, ma Olga le avrebbe invece invitate a non preoccuparsi invitandole a ritornare  casa. Avrebbe provveduto lei a chiamare immediatamente la polizia consegnando il malvivente alle forze dell’ordine. Passano tre giorni e…la telefonata non arriva perché la parrucchiera invece di contattare la polizia, ha tenuto in ostaggio Viktor rinchiudendolo in uno sgabuzzino e approfittando di lui costantemente incatenato a un radiatore con le manette, costringendolo a “nutrirsi” soltanto di Viagra.

L’uomo dopo tre giorni di “sevizie” è stato rilasciato il lunedì mattina ma le sue condizioni gravi lo hanno costretto a recarsi immediatamente in ospedale per le dolorose ferite ai genitali. Viktor si è visto costretto a dover raccontare tutta la storia ai medici che hanno provveduto ad avvertire subito la polizia, che ha arrestato lui per tentata rapina a mano armata e lei per sequestro di persona e violenza sessuale. Al momento dell’arresto la donna molto irritata  riferendosi a Viktor avrebbe affermato: “Che bastardo. Sì, abbiamo fatto sesso un “paio” di volte. Ma gli ho comprato jeans nuovi, dato cibo e anche 30 euro, quando l’ho lasciato libero”. Sia Olga che Viktor potrebbero essere condannati.

Tagged , , , , ,

Articoli Correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

'